FL4 Roma-Ciampino-Albano

Potenziamento della stazione di Marino e rinnovo della linea elettrica.

Commenti

9

Mostra i commenti

daco

31 marzo, 2015 H: 14:55

… che dire era ora!

Riccardo

19 novembre, 2014 H: 22:06

Si potrebbe spostare la fermata di Acqua Acetosa creando una stazione all’altezza del liceo Volterra, sopprimendo la fermata di Sassone e raddoppiando il tratto tra Acqua Acetosa e Sassone.

Raffaele

16 novembre, 2014 H: 17:07

Se vogliamo mantenerci a un livello “minimo”, bisognerebbe almeno aumentare i punti d’incrocio sulla Ciampino-Albano: binario d’incrocio a Castelgandolfo e binario d’incrocio a Pantanella (o Sassone).
Idem per la Ciampino-Velletri, per la quale sarebbe consigliabile un raddoppio totale. Un buon inizio sarebbe il raddoppio integrale del tratto Pavona-Cecchina.

andrea cuoghi

10 novembre, 2014 H: 23:10

Perchè non costruire una linea ferroviaria o linea metropolitana tra tutti i paesi dei Castelli?
velletri-genzano-ariccia-albano-castelgandolfo-marino-grottaferrata-frascati e collegamento con ciampino. Da lì collegare con il prolungamento proposto della metro A e anche con la metro C, con la proposta della metro leggera.

Sarebbe un atto che definire incisivo sarebbe riduttivo

Angelo Succu

30 gennaio, 2015 H: 16:01

La Sua idea ricalca in parte quella che era la rete cosiddetta delle tramvie dei Castelli della STEFER, che fu sterminata con lungimiranza ai tempi dell’avvento della motorizzazione di massa….

Stefano

1 febbraio, 2015 H: 13:50

Concordo pienamente!

Luciano

3 ottobre, 2014 H: 11:25

Spero che si possa anche prolungare, oltre al raddoppio della linea.
In alternativa si istituiscano corse bus tra la stazione di Albano Laziale e Ariccia e Genzano di Roma.

Anna Maria

8 ottobre, 2014 H: 12:41

Un’ottima idea potrebbe essere quella di creare una sorta di circolare che collegasse Albano e tutte le stazioni almeno a Ciampino, stazione in cui passano molte linee e quindi molti treni per Roma e da Roma.
Da non dimenticare l’importanza di collegamento anche con Frascati, passando per Ciampino.
Purtroppo da troppi anni i collegamenti su gomma per Frascati, Grottaferrata, Albano, Genzano e Velletri sono stati quasi annullati (non ci sono neanche più gli orari affissi alle fermate). Sarebbe molto importante ripristinarli, facendoli funzionare realmente (cioè dare ai cittadini la certezza che passino davvero, evitando loro penose e stancanti attese alle fermate).
Tutto questo agevolerebbe la circolazione stradale (meno auto in giro ad inquinare), eviterebbe la necessità di nuovi parcheggi, eviterebbe alle famiglie le spese per l’acquisto, la manutenzione, l’assicurazione e il bollo, oramai difficili da sostenere.
E quindi, più salute per tutti e meno spesa a carico del Servizio Sanitario.
Aggiungerei la necessità, non meno importante, di un servizio di trasporto pubblico locale, sempre per consentire ai cittadini di non essere costretti ad usare l’auto privata per raggiungere le stazioni dei treni.
Aumenterebbero i posti di lavoro, dovuti alla necessità di nuovi autisti e all’acquisto di nuovi mezzi pubblici.
Suggerirei anche di facilitare l’acquisto di biglietti sia per il viaggio in treno che per il viaggio su gomma.
E’ difficilissimo trovarli nei punti vendita. E comunque i punti vendita sono quasi sempre lontani dalle stazioni e dalle fermate. Perchè non assumere bigliettai, come in passato, utilizzando l’aumento delle entrate per effetto del bigliettaio sul mezzo?
Per finire, sono sicura che i pendolari siano d’accordo con me: aumentate un pò il prezzo dei biglietti, ma fateci viaggiare come esseri umani!
Grazie per l’attenzione e buon lavoro!

Stefano

1 febbraio, 2015 H: 13:52

Anche io preferirei pagare un pò di più l’abbonamento per avere un servizio REALE, piuttosto che regalare 400€ e più rimanere un’ora in fermata ad aspettare un auto che non passa

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio