FL6 Roma-Ciampino-Cassino

Realizzazione di due nuovi binari tra Capannelle e Ciampino.

Commenti

10

Mostra i commenti

Francesco Gurrieri

20 giugno, 2015 H: 19:31

E a quando il proseguimento fino a Roma Casilina?

Piano della Mobilità

3 luglio, 2015 H: 11:43

Buongiorno Francesco,
sulla base di informazioni a nostra disposizione risulta che per il raddoppio tra Casilina e il punto di confluenza FR4/6/7/8 (la cosiddetta bretella merci) sono stati stanziati i fondi.
Per quanto riguarda la tratta tra il punto di confluenza FR4/6/7/8 e Capannelle, finchè non verrà risolta la questione relativa ai vincoli archeologici (è stato rinvenuto un ipogeo), non è possibile procedere con l’intervento.
Pertanto, non siamo nella condizione di poter stimare i tempi per il completamento del quadruplicamento Casilina-Ciampino.
Cordiali saluti
La Redazione

Andrea

16 marzo, 2015 H: 08:17

Metropolitane leggere all’interno dell’anello ferroviario, non è umanamente possibile arrivare alla fermata di Muratella ed oltre (FR1) con treni che arrivano da Orte e Fara Sabina!!!
Troppo pesati e lenti durante le fasi di fermata e ripartenza dalle stazioni.

Angelo Succu

30 gennaio, 2015 H: 15:54

Il quadruplicamento della tratta ha sempre interferito pesantemente con a presenza di siti archeologici

Andrea

16 marzo, 2015 H: 08:24

Quindi, non si fa altro che allungare l’imbuto da Ciampino a Capannelle?
Mi sembra strano dopo quello che ho letto recentemente…

Andrea

30 gennaio, 2015 H: 12:11

Ma da Capannelle in poi il tratto ritorna a due binari, sono previsti altri raddoppi di binario fino alla stazione di Roma Casilina?

Emanuela

2 dicembre, 2014 H: 22:03

Sarebbe davvero d’aiuto soprattutto per la linea mattutina della fascia 7.00- 9.30 fare in modo che i treni passino quasi con la stessa frequenza di una metro possibilmente soprattutto quelli che provengono da Frosinone o Cassino ma anche Velletri i quali prima di arrivare a Ciampino fanno numerose fermate e una volta arrivati alla stazione di Ciampino è praticamente impossibile salire e nel caso ci si riuscisse le probabilità di sentirsi soffocati o avere la sensazione di essere su un treno merci è davvero alta. Parlo con una certa esperienza dato che tra scuola e università sono ormai 10 anni che prendo questa linea e posso dire di aver assistito a delle scene quasi incredibili, senza pensare che in questo modo si crea un senso di insoddisfazione enorme dopo che si paga una cifra esorbitante per un abbonamento annuale dove non si garantisce neanche un posto a sedere. Per non parlare dello stato dei treni…Immagino che a Vincenzo Soprano (CEO Trenitalia) non interessi minimamente di quelle “bestie” schiacciate sui regionali, perchè lui prenderà il suo comodissimo FRECCIAROSSA!!

Antonio D'Agostino

26 novembre, 2014 H: 16:45

Sacrosanto!
E’ assolutamente necessario far diventare una metropolitana a cielo aperto per evitare che le auto vadano a Roma.
L’unico problema è che se altrettanto non viene fatto sulle linee che arrivano a Ciampino, si crea solo un imbuto.
E’ opportuno quindi ancor più di questo raddoppiare le linee Ciampino-Velletri, Ciampino-Albano e Ciampino-Frascati che oggi sono ad un solo binario, e creare un parcheggio multipiano alla stazione di Ciampino, integrando il Cotral con il Metrebus.
Allora si che anche il trasporto potrà dirsi “metropolitano”.

Se poi la stessa cosa si riuscisse a fare a Roma-Nord (ad una delle fermate della Roma-Orte), Roma-Ovest (ad una delle fermate della metro C) e Roma-Sud (ad una fermate della Roma-Ostia) allora sarebbe il TOP

Raffaele

16 novembre, 2014 H: 17:18

Il raddoppio Ciampino-Capannelle (a cui va aggiunto il potenziamento di Capannelle-Casilina) a me sembra d’importanza vitale. E’ un fatto di potenzialità della linea (a prescindere da come poi verranno istradati i treni).
Con i 4 binari sarebbero possibili una serie di iniziative, tra cui scegliere: p.es. potenziare i collegamenti verso i Castelli Romani e verso Tor Vergata, migliorare i collegamenti tra Ciampino e Roma, aumentare/attivare corse Ciampino-Tiburtina e Ciampino-Ostiense in coincidenza con altri treni, permettere collegamenti misti (IC o AV) Ciampino-Tiburtina-Firenze, incrementare il traffico merci ecc. – tutte cose che non escludono l’uso parziale dell’AV per i treni provenienti da Frosinone e oltre.

Pietro f

9 ottobre, 2014 H: 00:13

E se invece si utilizzasse un binario già esistente? Si potrebbe deviare il traffico proveniente dalla provincia di Frosinone sull’alta velocità decongestionando la tratta ciampino /Roma. L’interconnessione a sgurgola è già esistente…

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio