SS2 Cassia Roma-Viterbo

Completamento dell’adeguamento a 4 corsie tra Monterosi e lo svincolo della Civitavecchia – Viterbo. Si sviluppa per circa 33 km e si svolge quasi per intero in variante rispetto al percorso esistente della via Cassia. Sono previsti 8 svincoli che garantiscono il collegamento alla viabilità locale e ai centri abitati.

Commenti

9

Mostra i commenti

ANGEV-PRO.CIV. - Sede Operativa

25 gennaio, 2016 H: 23:09

Sulla SS 2 CASSIA Roma-Viterbo, nel Comune di Nepi (VT), in Loc. Settevene, in carreggiata direzione Viterbo, sarebbe opportuno mettere in sicurezza lo svincolo per “Umiltà”-“Nepi”, riutilizzando ad esempio il ramo dismesso della vecchia Cassia. Ciò era già stato richiesto per iscritto anni fa alla Regione Lazio con risposta di esame, ma ad oggi ancora senza riscontro pratico.

Lorenzo

1 gennaio, 2016 H: 12:20

Ma questo progetto quando vedrà la luce?
Grazie

Piano della Mobilità

7 gennaio, 2016 H: 10:35

Gent.mo Lorenzo,

il progetto è definitivo e sarà realizzato tra il 2018 e il 2023. Un saluto, la Redazione.

ali

5 settembre, 2015 H: 11:23

purtroppo ai miei genitori, dopo aver acquistato un terreno ed una casa e quindi dopo tanti sacrifici, verrà espropriato per costruire ancora una volta una strada inutile e costosa

Stefano Maizza

29 aprile, 2015 H: 11:22

Sono concorde con il Sig. Luffarelli, anche a mio avviso l’infrastruttura ferroviaria è assolutamente prioritaria rispetto a quella stradale, per motivi legati all’economia delle zone circostanti, alla sostenibilità ambientale, al turismo e, non da ultimo, ai co-finanziamenti dell’Unione Europea (che ha già approvato da tempo il progetto redatto da Italferr nel 2011).

carlo leoni

24 marzo, 2015 H: 17:34

Dov’è prevista l’uscita dalla Cassia per Bassano Romano provenendo da Roma e da Viterbo?

Dario Mazzalupo

19 marzo, 2015 H: 13:36

La supercassia si potrebbe realizzare fino al bivio di Bassano, Sutri poi mettere in sicurezza il tratto successivo ed inserire un bypass a Vetralla. Sostengo la richiesta di Roberto per quanto riguarda la ferrovia Civitavecchia-Orte un’opera che farebbe uscire dall’isolazionismo la BASSA TUSCIA. Le strade sono piene di buche, non riescono a mettere in sicurezza quelle esistenti figuariamoci realizzarne altre. Occorrono ferrovie.

roberto luffarelli

26 ottobre, 2014 H: 01:03

Penso sia più utile ed importante investire sul trasporto ferroviario come la riapertura della Civitavecchia-Capranica-Orte ed il potenziamento e raddoppio della Roma-Viterbo. Tali credo siano le richieste dei tanti pendolari, della mobilità sostenibile e del turismo. L’opera proposta mi sembra più sostitutiva che complementare del trasporto su ferro. Non favorisce una de-motorizzazione ma al contrario incentiva l’uso dell’auto.
Mi corregga se sbaglio o se ritiene la mia osservazione troppo generica.

Piano della Mobilità

27 ottobre, 2014 H: 11:20

Buongiorno Roberto, ogni osservazione o indicazione fornita da voi cittadini non è nè sbagliata nè generica. Il Piano prenderà in considerazione ogni singola osservazione pervenuta e la integrerà nel documento finale. Il processo di partecipazione da parte dei cittadini serve proprio ad individuare le reali esigenze sul territorio. La ringraziamo per i suoi numerosi interventi e la invitiamo a fornirci ulteriori elementi e a coinvolgere i suoi amici e conoscenti. Saluti La Redazione.

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio