Proposta

di Rita Rossi

16/feb/2015

A Fine 2016 (data presunta) ci sarà la chiusura della stazione di Ple Flaminio per i lavori di ristrutturazione della nuova Stazione (Roma Nord – Civita Castellana – Viterbo) . Il “Comitato Pendolari Roma Nord” si sta adoperando (la nostra proposta) per trovare strategie e soluzioni in concerto con Atac e/o Regione per alleviare quanto più possibile i disagi. L’unica certezza che abbiamo è il continuo disinteresse che Ente Regione sta dimostrando nei confronti di questa linea e che, alla data odierna, non ha ricevuto nessun input di riscontro.
Da questo è nato #FlaminioNonDeveChiudere

Commenti

8

Mostra i commenti

Rita Rossi

19 febbraio, 2015 H: 06:14

Vorrei correggere quanto rilasciato sul commento precedente delle 18:25 di mercoledì 18/02/2015. Ho citato erroneamente la ferrovia FL1 invece di FL3. Scusatemi

Rita Rossi

18 febbraio, 2015 H: 18:25

Gentile Redazione, quello che voi ci dite è già noto. Noto è anche il disinteresse che sta mostrando Ente Regione nei confronti di questa linea rispetto a quelle gestite da Trenitalia. Se non erro, domani ci sarà l’ennesima inaugurazione di un nuovo treno Vivalto sulla FL1 (linea parallela alla nostra, regionale gestita da Trenitalia) presso la stazione di Viterbo.
Noi “della Roma Nord-Civita Castellana – Viterbo” abbiamo ancora treni vetusti senza aria condizionata….. quelli che ancora sono in circolazione è anche grazie ai miracoli che alcuni tecnici riescono a fare … “Firema anno 1994”non vi dice niente ?? per non parlare poi delle stazioni che sono state “modernizzate” e che ancora sono in attesa di “qualche collaudo” speciale. Ma di che cosa vogliamo parlare?? Figli e figliastri??

Piano della Mobilità

18 febbraio, 2015 H: 15:01

Buongiorno Rita, per quanto riguarda la Stazione di Piazzale Flaminio possiamo dirle che il progetto riguarda l’abbassamento della stazione stessa per permettere il collegamento con la metropolitana; i lavori potrebbero interessare l’interruzione dell’ultimo tratto. Gli utenti verranno adeguatamente e correttamente informati dell’inizio dei lavori previsto non prima di due anni. La Redazione

Francesco b.

19 febbraio, 2015 H: 21:03

E voi fate un progetto così ampio e importante e non interpellate i cittadini per capire insieme come fare a limitare i danni Dei pendolari? È uno scherzo?

Tommaso

22 febbraio, 2015 H: 19:10

Ci aspettiamo che l’anticipo sia congruo e che comunque venga effettuato un attento studio dei flussi per decidere “come/cosa/dove” per la sostituzione del servizio.

Tommaso

18 febbraio, 2015 H: 00:11

Come si vede la differenza di trattamento rispetto a Trenitalia (ricordiamoci che TUTTE le ferrovie che insistono su Roma sono regionali) e le opere comunali (metro C, ad esempio): i fatti sono quelli che sono: oltre alla gia’ citata Piazzale Flaminio, abbiamo Prima Porta incompiuta e il materiale e l’infrastruttura obsoleti. “Ma de che stamo a parla’?” :-/

sandrine

16 febbraio, 2015 H: 14:49

Regione deve darci udienza, deve darci risposte. Non può ignorarci

Francesco

16 febbraio, 2015 H: 13:54

Cioè fanno tutto questo e per tutto quel tempo (considerando che saranno molti di più degli anni previsti) senza neanche sentire i cittadini???

REGIONE SVEGLIA!!!!

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio