Proposta

di Roberto Luffarelli

27/ott/2014

In riferimento ad una mia proposta del 10 ottobre (elenco proposte dei cittadini) sulla trasformazione della Laziali/Giardinetti in tranvia ed alla sua connessione a Porta Maggiore con la rete tranviaria esistente chiedo, sperando di aprire un dibattito, quanto della mia proposta sia fattibile e realizzabile in relazione alle geometrie della piazza ed alle geometrie dei tracciati tranviari che dovrebbero essere modificati per consentire tale progetto.
In particolare la mia proposta sulla Giardinetti/Laziali sarebbe (provenendo da Giardinetti) nel punto di immissione su piazzale Labicano, anziché attraversarlo come attualmente avviene, farle compiere una svolta a destra con un angolo di circa 45 gradi rispetto all’attuale tracciato in modo da permettere la connessione alla rete tranviaria, oppure in alternativa proseguire sulla attuale sede ma superate le mura di Porta Maggiore immettersi sulla linea tranviaria con una svolta a sinistra. Al ritorno, e quindi in direzione Giardinetti, si dovrebbe provvedere ad una svolta a destra anticipata rispetto a quella che si dirige su via Prenestina, permettendo così la reimmissione sul tracciato della Laziali/Giardinetti. Contestualmente occorrerebbe arretrare l’attuale semaforo sulla corsia veicolare di sinistra. Le varianti di tracciato tranviarie mi sembrano possibili dato che il raggio delle curve ipotizzate non mi sembra minore di quelli di curve già esistenti sulla piazza.
Il mio sogno è di vedere, già dal capolinea Giardinetti, le tre destinazioni dirette per Università/Policlinico, Termini e San Giovanni/Piramide.
Un modo ed una possibilità per non disfarsi ma anzi di valorizzare la preziosa sede riservata dell’attuale trenino e di integrarla al meglio con la metro C a tutto vantaggio dei cittadini e della mobilità sostenibile.
Nella proposta proponevo anche la realizzazione di un sottopasso nel possibile punto di scambio della tranvia con la metro C a Parco di Centocelle.
Un sogno irrealizzabile per questa città che soffre di una problematica mobilità?
Gradirei pareri e commenti.
Grazie

Commenti

3

Gianni Verdini

15 settembre, 2015 H: 11:31

In realtà la trasformazione in tranvia “tradizionale” e l’immissione nella rete tranviaria roma NON è la migliore delle idee… innanzitutto costi elevati di cambio scartamento (ricordiamo che la ferrovia ha uno scartamento MINORE della tranvia) e di rifacimento degli impianti, e poi tale intervento porterebbe solo un larghissimo aumento dei tempi di percorrenza, determinato dall’inevitabile congestione sul nodo (già congestionato) di Porta Maggiore. Piuttosto occorrerebbe anzitutto tornare immediatamente con il capolinea a Giardinetti (senza il quale l’asse Casilina grava in una situazione di inammissibile disagio), e poi trasformare in metrotranvia leggera a scartamento ridotto, su modello delle Stadtbahn europee, con ritorno del capolinea a Termini (via Giolitti/P.za dei Cinquecento) e prolungamento da Giardinetti a Tor Vergata.

Alessandro T.

19 dicembre, 2014 H: 17:17

Concordo pienamente con la proposta di trasformare la linea Laziali/Giardinetti in tranvia ed in particolare alla sua connessione a Porta Maggiore con la rete tranviaria verso piazza Vittorio Emanuele – Termini. Nel caso il capolinea dei tram di Termini non avesse la capacità di ospitare 3 linee tramviarie, si potrebbe pensare alla soppressione della linea tram 5, il cui percorso è al 90% in sovrapposizione con la linea tram 14. Questo a patto di potenziare le corse della suddetta linea 14. La zona di Centocelle, già in parte compensata dalla prossima ventura linea metro C, potrebbe beneficiare di un potenziamento delle corse della linea tram 19.

Piano della Mobilità

28 ottobre, 2014 H: 10:39

Buon giorno Roberto,
nel ringraziarti del prezioso contributo ti comunichiamo che abbiamo provveduto ad inoltrare la tua proposta ai tecnici del settore, a breve ti daremo risposte dettagliate la redazione.

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio