Proposta

di Gisella Menichelli

10/mar/2015

Sinceramente pensavo che il sondaggio fosse più serio. Fare domande del tipo “ti piace un mondo bellissimo in cui regni la perfezione oppure preferisci un mondo dove è difficile persino muoversi”, mi lascia alquanto perplessa, le risposte diventano ovvie e inutili.
Per la proposta avrei da suggerirvi, ad esempio, tanto per cominciare a risolvere i problemi che
i pendolari vi segnalano da anni, almeno quelli di Roma Nord. Treni vivibili con un servizio adeguato alla tariffa pagata. I treni di Roma-Civita Castellana sono vecchi e sporchissimi. Non chiediamo la luna, semplicemente il diritto a viaggiare in sostenibilità, come tanto piace raccontare a coloro che amano indorare la pillola nei discorsi vacui e ritriti che sentiamo da sempre.
Mi auguro che il futuro sia migliore.

Gisella

Commenti

6

Mostra i commenti

Gisella

7 settembre, 2015 H: 08:25

7 Settembre: la situazione NON è cambiata e siamo a ridosso dell’inizio dell’anno scolastico e del giubileo.

http://pendolariromanord.com/2015/09/04/parole-al-vento-e-intanto-la-vergogna-della-romanord-continua-cda-marino-disservizi-romacivitaviterbo-vaticano/#comments

Gianfranco Lelmi

18 giugno, 2015 H: 08:09

E’ ora di dirottare i soldi sulla Ferrovia Roma Nord. Mettere dei treni con la distanza fra gli assi adeguata al raggio delle curve, non acquistando altri mastodontici Alstom con passo errato. A che serve allontanare la stazione di Morlupo a Magliano, interrare i binari della stazione di Castelnuovo di P., fare il doppio binario, forse a sperperare i nostri soldi? Con un solo binario si possono avere treni ogni venti minuti, risparmiando una marea di soldi, con i quali comprare nuovi convogli. Ricordate che i Firema hanno 2.600.000 chilometri, gli Alstom 1.600,000 chilometri, improvvisamente si sfasceranno insieme parecchi convogli e la linea rimarrà bloccata. Che direte signori della Regione alla gente? Se succederà un incidente per scarsa manutenzione, chi risponderà dei danni agli utenti della ferrovia?

Rita Rossi

13 marzo, 2015 H: 19:50

Grazie Gisella per l’intervento più che opportuno, oserei dire, NECESSARIO!… Sono anni che gli utenti della Ferrovia Roma Nord-Civita Castellana-Viterbo (Atac) chiede, attraverso il COMITATO PENDOLARI ROMA NORD , oltre ad altro, l’acquisto di nuovi treni in quanto alcuni di quelli esistenti sono ormai “datati” oltre al fatto che sarà anche sempre più difficile fare la manutenzione. Il problema è capire quanto Regione sia veramente intenzionata a darci un decimo di attenzione rispetto a quella che da a Trenitalia… Noi non siamo proprio coinvolti, o perlomeno, non ce lo dimostrano. Serie C ???

Tommaso

18 marzo, 2015 H: 23:29

Purtroppo ad oggi (18/03/2015) e’ tutto vero. L’ultima fornitura e’ del 2000 (Alstom MRP236), i Firema risalgono a 1987-1994 o giu’ di li’. E non ce la fanno piu’ a “livello tecnico”. In particolare alcuni degli stessi Firema che non sono stati oggetto di revamping sono devastati dagli imbrattamenti, soprattutto esterni (due esemp per tutti: 151-251-152 e 153-252-154, i Firema extraurbani). Oltre a una nuova fornitura, si deve investire anche nella manutenzione. Il ritorno economico e’ “automatico”: treni in buone condizioni, minore inclinazione al vandalismo…in una parola: ATTENZIONE.

Vedi il treno vandalizzato della metro C com’e’ stato ripristinato, o (giustamente) il graffito inneggiante a Hitler sul treno della Lido.

Piano della Mobilità

10 marzo, 2015 H: 16:26

Gent.ma Gisella,

nel ringraziarLa per il prezioso contributo Le comunichiamo che il Piano sta lavorando perché i treni siano vivibili con servizi e tariffe adeguate. CI dispiace la sua opinione riguardo il sondaggio.

Cogliamo l’occasione per inviare i nostri saluti.

La redazione

Gisella

20 luglio, 2015 H: 09:18

Oggi è il 20 Luglio 2015 e la cronaca locale ne ha – purtroppo in questi mesi – avuto di materiale da news sul sistema trasporti a Roma città Metropolitana e Provincia, relativi ai disagi nonché incidenti quotidiani per chi ha osato ” viaggiare” con i mezzi pubblici. Un esame di coscienza è doveroso. Attendiamo risposte concrete. Buona estate di lavoro alla Commissione.
P.S. le “tariffe adeguate”, di cui sopra, fareste bene a restituircele visto il disservizio patito.
8 Euro di BIRG per avere il treno in panne con tutto il resto direi che è un furto.
Comunque grazie per l’attenzione.

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio