Proposta

di Carlo Campanella

05/nov/2014

Nel lontano 6 febbrio 2006, sindaco era Veltroni, il consiglio comunale approvò una delibera di iniziativa popolare, la n. 37, per la progettazione partecipata del corridoio della mobilità Saxa Rubra-Cinecittà – Laurentina. Ben 11.000 cittadini romani avevano sottoscritto il suo testo.
Un’opera che sarebbe certamente in grado di interconnettere efficacemente i territori del quadrante nord-est della Capitale, popolati da centinaia di migliaia di cittadini, con infrastrutture della mobilità di livello cittadino e metropolitano, con costi e tempi di realizzazione infinitamente più ridotti se paragonati a quelli di una metropolitana

Commenti

13

Mostra i commenti

Alessandro T.

17 luglio, 2015 H: 18:39

Sono assolutamente d’accordo!

Alessandro

11 gennaio, 2015 H: 19:15

E’ un opera assolutamente necessaria, per chi poi come me, da Cinecittà all’Eur (solo 12 km), attualmente è costretto a fare un illogico viaggio da Giulio Agricola fino a Termini e poi tornare indietro fino all’Eur, impiegando, se tutto va bene, 40/45 minuti…Inoltre, analizzando bene il progetto, si avrebbero numerosi interscambi con altre linee metropolitane, tram, treni metropolitani, senza passare per il centro storico. Non capisco cosa si aspetti, tenendo conto che il progetto è già stato approvato dal Consiglio Comunale nel 2006

Alfredo

27 novembre, 2014 H: 15:20

E’ assurdo e inspiegabile che un progetto come questo, che ha avuto il sostegno della cittadinanza e il riconoscimento formale delle istituzioni competenti non sia ancora riuscito, non dico ad arrivare in porto ma nemmeno a vedere la fase di avvio.
Chi doveva fare un progetto di finanziamento europeo? Perché non si è provveduto né a livello internazionale né in ambito del nostro governo?
Si recuperi il tempo perso, gli utenti hanno bisogno di alternative immediate al trasporto privato, metastasi che sta facendo morire il tessuto urbano e i cittadini.

clax

21 novembre, 2014 H: 18:57

Buon giorno amministrazione:
qualora siate a conoscenza, sapete se quest’amministrazione abbia voglia di project financing, bond o quant’altro in collaborazione con privati per fare le tante infrastrutture di cui Roma ha bisogno?
a me personalmente non piacerebbe vedere cose dal sapore commerciale e monopolistico, pero, dico la prima cosa che mi viene in mente, fare saxa rubra laurentino(io cmq farei tutto l’anello…)in coopartecipazione con qualche marca, pagando quindi il tot % in meno sull’opera e dando gratis per anni la pubblicita e operazioni commerciali esclusive su quella tratta……..dico,..poi io non sono economista ne esperto nel campo,ma immagino che qualche soluzione ci sia….

Piano della Mobilità

24 novembre, 2014 H: 09:56

Buongiorno Clax, in questa fase lo scopo del Piano è quello di rintracciare le reali esigenze presenti sul territorio grazie proprio alla partecipazione dei cittadini. Tutte le proposte verranno inserire nel documento. In questo momento non possiamo dirle come verranno reperiti i finanziamenti per la realizzazione di queste opere. La Redazione

Matteo Milita

11 novembre, 2014 H: 16:13

Opera fondamentale, c’è poco da aggiungere. Questa linea in chiave moderna sarebbe un fiore all’occhiello per la città.

Federico Scaroni

11 novembre, 2014 H: 13:45

Se venisse finalmente realizzata quest’opera sarebbe uno dei tasselli principali della mobilità su ferro romana. E’ una linea assolutamente imprescindibile oltretutto per scaricare dal traffico il centro della città e le strade consolari.
Deve essere messa al centro dell’agenda della politica laziale al più presto possibile.

pasquale aiello

6 novembre, 2014 H: 10:38

Quando la politica si interroga sulla sua lontananza dai cittadini, non deve andare molto lontano per cercarne le ragioni.
Basta guardare anche queste cose importanti per i cittadini e rimaste le “solite” promesse.

claudio

5 novembre, 2014 H: 12:40

E’ un’ opera essenziale per la Città di Roma, ma purtroppo la nostra classe politica è cieca teniamoci il traffico e lo smog.
Speriamo che qualcuno finanzi quest’opera che dai dati costa molto ma molto meno della Metro C.

claux

21 novembre, 2014 H: 18:52

Ciao Claudio, sono un tuo omonimo….ahha…come stai?leggo il tuo intervento dove dici”quest’opera che dai dati costa molto ma molto meno della Metro C.”…..dove hai letto i costi che non riesco a leggerli?

ciao

claudio

24 novembre, 2014 H: 11:16

Ciao, sul rapporto FerroTranviario Rilasciato da Roma Mobilità per la prima tratta ponte mammolo anagnina 82 Milioni di euro per 3 anni e 10 mesi di lavori per un totale di 8 KM. Se cerchi in rete lo trovi ci sono anche le altre linee tram realizzabili a Roma

clax

25 novembre, 2014 H: 20:17

ciao Claudio, come stai?vedo che sei un po’ espertuccio..posso approfittarne?…..quasi 4 anni per 8 km di tram, ossia in superficie, non e’ molto?….domanda,:proprio non c’e’ nessuna maniera per far si che i tempi siano minori?…ciao

claudio

26 novembre, 2014 H: 09:45

Buongiorno a te Claudio, io non sono esperto in materia, ma seguo diversi forum e ti consiglio questo “http://www.skyscrapercity.com”.
cmq si secondo me i tempi sono molto lunghi, ma purtroppo siamo a Roma e la burocrazia e il resto ci rallentano.
Se fosse per me farei subito la Fidene Subaugusta e lavorando su tutta la tratta in contemporanea in 3 anni sarebbe pronta…… magari ;-)

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio