Proposta

di Massimo Candy

06/nov/2014

Il MOSP, WWW.MOSP.IT, Movimento Spontaneo dei Pendolari di Viterbo da anni fa proposte alla Regione per un DIGNITOSO collegamento Viterbo-Roma, con il treno…Chiediamo ulteriori treni Vivalto in fasce orarie ormai al collasso. Chiediamo collegamenti con poche fermate come hanno da tempo Latina e Frosinone. Province per le quali la REGIONE spende molti più fondi che per le altre, dati oggettivi alla mano. Hanno collegamenti ogni 15-20 minuti con la capitale in ogni fascia oraria con divere tipologie di tempi e fermate !! Cosa ne pensa il Piano Mobilità Regionale ?? Ci fate sapere come vengono ripartite le nostre TASSE tra cittadini e cittadini di stessa REGIONE ??

Commenti

40

Mostra i commenti

isabella gatti

19 marzo, 2015 H: 15:29

Recandomi a Roma per lavoro, conosco la situazione descrittami da molte persone anche se vivo a Genova. I pendolari già passano mezza vita sul treno, mi sembra una proposta di civiltà per migliorare la situazione di chi deve spostarsi ogni giorno per lavorare.

Luca

13 gennaio, 2015 H: 13:21

Se si pensasse ad uno sforzo ferroviario, da intendere come una maggiore gestione ed ottimizzazione della linea e del traffico, si riuscirebbe tranquillamente a recuperare minuti su minuti che porterebbero ad un risparmio considerevole. E’ inutile pensare a treni velocissimi se tanto questi saranno comunque bloccati; i treni presenti possono ma non riescono ad espletare le loro potenzialità.
Questa, più che evidente considerazione, basterebbe a rendere felice molti dei pendolari ad impatto economico pressochè nullo e quindi non sarebbe nemmeno da mettere tra le proposte da validare o in una lista di spesa

massimo candy

3 febbraio, 2015 H: 15:26

La proposta di 65 minuti non raffigura un TRENO TAV, velocissimo, ma da andatura dignitosa considerando l’arrivo a Valle Aurelia naturalmente. Questo è quello che si riuscirebbe ad ottenere con quella che tu affermi “ottimizzazione e gestione della linea e del traffico”, appunto, la stessa ottimizzazione che eviterebbe i blocchi e aprirebbe la strada ad un trasporto UMANAMENTE SOPPORTABILE da capoluogo a capitale !!!

lucia pacini

29 novembre, 2014 H: 15:27

l’esigenza è condivisa da moltissimi cittadini anche pendolari saltuariamente,Le componenti politiche sono state spesso sollecitate anche da me

Piano della Mobilità

28 novembre, 2014 H: 12:24

Salve Massimo,
in merito alla tua proposta ti comunichiamo che abbiamo provveduto ad inoltrarla al settore competente. Ci impegniamo ad informarti su quanto ci verrà comunicato in seguito.
Nel ringraziarti per la preziosa partecipazione ti inviamo i nostri saluti.

La redazione

Massimo Candy

11 dicembre, 2014 H: 15:29

…se sapete indicare anche un TEMPO MASSIMO di attesa risposta, ve ne saremmo INFINITAMENTE GRATI !!

p.s…. è possibile sapere come mai questa proposta non venga rappresentata fra le proposte PUNTUALIZZATE sulla città di VITERBO ?

Piano della Mobilità

12 dicembre, 2014 H: 12:26

Buongiorno Massimo, abbiamo provveduto ad effettuare un controllo da cui è risultato che la tua proposta era inserita in un punto della mappa dove si presentava anche un’altra proposta. Abbiamo sistemato la mappa e ora sono visibili entrambe.
Per quanto riguarda la tua osservazione nello specifico possiamo dirti che è stata inoltrata ai tecnici competenti che si stanno occupando dell’elaborazione dello Schema di Piano, che verrà presentato e pubblicato sul sito nella primavera del 2015. La Redazione

David Guerra

13 novembre, 2014 H: 08:04

D’accordissimo! Non è possibile che da Napoli e Firenze ci si metta di meno ad arrivare a Roma!!! Diamo un minimo di dignita anche ai pendolari!!!

4non

11 novembre, 2014 H: 19:42

Il problema sarebbe risolto con il raddoppio del binario da Cesano a Viterbo. Perchè non se ne parla mai??? Sarebbe molto piú utile investire soldi in questo progetto piuttosto che nella riapertura della Orte-Civitavecchia.

max

12 novembre, 2014 H: 09:49

Vero, anche se occorrerebbe aspettare un altro secolo e i diretti con un po’ di INTELLIGHIENZA FERROVIARIA potrebbero diventare realtà in breve….Ma poi, hai mai provato a parlare di treni con la classe politica VITERBESE ???? Per loro la Roma-Viterbo arriva a piazzale Flaminio o alla stazione Termini………

Dario Mazzalupo

20 dicembre, 2014 H: 16:43

Non sono contrapposte le due opere. Pero’ visto che CONTINUATE a ritenerle contrapposte. FACCIO PRESENTE CHE META’ DEI RESIDENTI DELLA PROVINCIA DI VITERBO E’ A SUD DEI CIMINI. Visto che la Bassa Tuscia aumenta democraficamente e l’Alta Tuscia diminuisce, gradirei piu’ rispetto visto che se le vostre proposte sono degne anche quelle che provengono dalla BASSA TUSCIA lo sono!

MOSP

22 dicembre, 2014 H: 11:08

…le proposte non sono tutte uguali…e la contrapposizione esiste VISTO CHE SI TRATTA DI SOLDI PUBBLICI ed è onesto e giusto spenderli per proposte INTELLIGENTI E PIU’ INCLUSIVE POSSIBILI !!!!! Siete Voi che ne fate una battaglia personale….che NESSUN PENDOLARE SERIO sostiene……

Francesco Geri

10 novembre, 2014 H: 19:26

Che siano treni veramente veloci, adesso ci vuole solo la fantasia di trenitalia a chiamarli veloci…..

Francesco Mancini

10 novembre, 2014 H: 19:22

Ben vengano treni veloci, magari, sempre troppo tardi !! la regione deve spener per viterbo quanto già fa per frosinone o latina

Boschi Donata

10 novembre, 2014 H: 19:19

D’accordissima con treni più veloci….”comunque, per cominciare, se quelli che ci sono fossero puntuali sarebbe già un miracolo….

Marcello Fondi

10 novembre, 2014 H: 19:17

D’accordissimo, la fl3 da viterbo è insopportabile…sempre troppo tardi….

Gianfranco Ceccarelli

10 novembre, 2014 H: 19:15

Sono d’accordo, abbiamo aspettato anche troppo tempo

Giorgio sganappa

10 novembre, 2014 H: 19:11

Sono perfettamente d’accordo, è un trasporto vergognoso, indegno per un capoluogo con università e lavoratori in costante aumento.

agostino porciani

10 novembre, 2014 H: 12:50

due ore per arrivare a roma in treno sono sicuramente eccessive per un percorso di 90 chilometri ed un collegamento veloce da viterbo sarebbe utilizzatissimo: moltissime persone da viterbo e comuni limitrofi arrivano fino a orte in auto per arrivare a roma in tempi decenti, perciò anche un biglietto con un costo più elevato rispetto al regionale da orte sarebbe comunque conveniente; inoltre diminuirebbe molto l’affollamento, spesso insostenibile, sui treni da orte, che servono anche i pendolari di umbria e toscana.

4non

10 novembre, 2014 H: 10:56

Sono assolutamente favorevole alla proposta del Mosp per ottenere treni piú veloci con Roma. Viterbo ha collegamenti con la Capitale da terzo mondo. Sarebbe ora di adeguarsi e modernizzarsi. Anche il turismo ne trarrebbe beneficio. Cosa fa la politica locale??? Dorme, come ha sempre fatto.

Francesco Berni

9 novembre, 2014 H: 18:03

Sono completamente d’accordo!

Ermanno coppola

9 novembre, 2014 H: 12:30

Sono d’accordo con la proposta

Isabella Gatti

9 novembre, 2014 H: 11:02

I pendolari hanno abbastanza problemi… Restituire a tutti loro un’ora di vita al giorno mi sembra IL MINIMO!!! Anche qui in liguria la situazione pendolari è vergognosa :-(

Carlo Alberto Trecci

9 novembre, 2014 H: 10:17

Sono d’accordo, la città di Viterbo fino ad oggi ha solo avuto problemi dalla relativa vicinanza con Roma. Dignità a chi viaggia per lavoro, studio o diletto! Ciò significa rispetto in termini di frequenza di orari, durata e qualità dei mezzi e servizi a bordo!

paolo

9 novembre, 2014 H: 10:12

Lo facessero. Non se ne può più. Da un lato promuovono l’alta velocità e poi rallentano linee che servono migliaia di persone

Giancarlo Guerra

9 novembre, 2014 H: 09:22

Sono d’accordo

giampiero

9 novembre, 2014 H: 09:09

Giusto… condivido !

ivan

9 novembre, 2014 H: 08:48

Sono d accordo …

stefano cecchetto

9 novembre, 2014 H: 08:42

sono d’accordo

Gianluigi

9 novembre, 2014 H: 08:30

Sono d’accordo con questa richiesta

Marilisa Di Stefano

9 novembre, 2014 H: 08:28

D’accordissimo

Lidia candy

9 novembre, 2014 H: 08:20

Sono d’accordo !

evaldo

9 novembre, 2014 H: 08:19

Sono d’accordo

gianni petritoli

9 novembre, 2014 H: 08:14

Sono d’accordo…

bruno

9 novembre, 2014 H: 08:09

Servizio vergognoso è regredito nel corso del tempo.sarebbe ora

chiara grignani

9 novembre, 2014 H: 08:08

Sono assolutamente d’accordo!

Andrea Beccarini

8 novembre, 2014 H: 15:52

GIUSTO! Chiediamo attenzione ai bisogni dei pendolari e dei viaggiatori che utilizzano questa linea ferroviaria, che deve essere considerata dai nostri amministratori un SERVIZIO ai cittadini e non un peso o una seccatura. Porre attenzione significa ad esempio fare in modo che i (troppi) passaggi a livello presenti sul percorso non vadano in tilt al primo acquazzone; significa INFORMARE i viaggiatori relativamente ai disguidi e ai disagi dovuti ai ritardi frequenti in maniera esaustiva, e non con formulette automatiche senza senso; significa che l’aria condizionata deve funzionare IN OGNI VAGONE, e con la giusta modalità d’estate come d’inverno. Significa quindi INVESTIRE in servizi.

Luigi Tozzi

7 novembre, 2014 H: 10:42

Sarebbe anche ora! La cosa è fattibile, perché solo 10 anni fa il treno ci metteva esattamente quel tempo per coprire l’intera tratta. La linea è regionale, non comunale!! Basta con questa politica regionale che pensa solo agli interessi di Roma.

moreno idili

9 novembre, 2014 H: 12:13

Purtroppo Luigi,il problema non e’ regionale,ma nazionale.la politica del trasporto locale e’ stata abbandonata per dar spazio all’alta velocita’ lasciando indietro chi si sposta per studio o per lavoro.io ricordo che molti anni fa c’erano abbonamenti ridotti per studenti e lavoratori,la privatizzazione ci ha portato a questi indegni livelli di disservizio .ci sarebbe molto altro da dire, ma mi frmo qua’.comunque appoggio con forza la vostra battaglia per il diritto di viaggiare con dignita’,come si dovrebbe a chi tieni in piedi la nazione con il proprio lavoro.

Lascia un commento

Chiudi

Rispondi al commento

Chiudi
Fasi del Piano Quadro Conoscitivo Scenari e Visione Schema di Piano Il Piano e la Valutazione Ambientale Strategica Attuazione e Monitoraggio