Il Sistema dei Trasporti della Regione Lazio

La mobilità nel Lazio, marzo 2022: una visione di insieme

A fronte di un calo di popolazione e occupazione, già in atto almeno dal 2019 e consolidato dalla pandemia, colpisce l’aumento del tasso di motorizzazione, sia pur lieve (+0,60% a gennaio 2021). La mobilità delle persone riflette il progressivo allentamento delle restrizioni Covid: netta ripresa del traffico aeroportuale (+22% rispetto al  2020), benché ancora molto lontano dai valori pre-pandemia (circa 14 mln di passeggeri contro i quasi 50 del 2019), e di quello crocieristico (+153%), ancora di ben 5 volte inferiore rispetto al 2019.

Anche gli incidenti stradali, i morti e i feriti sono calati nel 2021 (-12,2%) per effetto della ridotta mobilità; ma i flussi di traffico nell’ultimo quadrimestre del 2021 mostrano che gli spostamenti sono in aumento, come pure i tempi di percorrenza.

I traffici merci via mare e su cargo aereo mostrano indicatori di segno positivo, tranne quello sui container (poco più di 100.000 TEU, -6%); scarse le informazioni sul traffico merci ferroviario e in calo quello delle merci su gomma (-12% a dicembre 2020).

Il Piano Energetico Regionale richiede di rilevare consumi energetici ed emissioni del sistema dei trasporti, per monitorare gli obiettivi al 2030 e al 2050 (il livello di partenza dei consumi, al dicembre 2019, è di 3.589,4 ktep), così come la diffusione di veicoli a idrogeno, elettrico e ibrido, che al dicembre 2021 segnalano una decisa accelerazione (rispettivamente +86,1% e 71,6%), sostenuta dagli ecoincentivi.

Sul piano delle infrastrutture, PNRR e Fondo Complementare hanno costituito la novità più rilevante di questi mesi: a fronte delle richieste regionali, il Governo ha privilegiato le misure di più rapida attuazione come l’acquisto di materiale rotabile (quasi 400 mln), sia su ferro che su gomma, e infrastrutture leggere come le tranvie (220 mln) e le piste ciclabili (circa 38 mln); l’Autorità portuale, che disponeva già di una consolidata progettazione esecutiva, ha ottenuto circa 160 mln; importante anche l’approvazione della Zona Logistica Semplificata e l’ottenimento del livello Core delle reti TEN-T del porto di Civitavecchia.

CTL P.Iva 02133771002