Indicatori del sistema aeroportuale

La pandemia ha impattato massicciamente gli aeroporti romani, con cali dei passeggeri trasportati nel 2020 del -77,4% a Fiumicino e -72,4% a Ciampino; fino ad allora i trend dei movimenti aerei nel triennio avevano visto Fiumicino in crescita (+3,4% nel 2018 e +0,7 nel 2019) e Ciampino in parallela decrescita (-2,9% nel 2018 e –0,8% nel 2019) per le vicende relative al Decreto sulla riduzione del rumore aeroportuale.

I dati dimostrano una ripresa ancora lenta e lontana dai valori pre pandemici; ne risentono di più i voli intercontinentali, leggermente meno quelli in ambito UE e meno di tutti quelli nazionali, i primi ad essere stati riattivati con minori restrizioni.

Le tabelle descrivono l’andamento dei dati per scalo, dal 2018 fino a dicembre 2021, rispetto a passeggeri e movimenti totali, nazionali e internazionali, con questi ultimi ulteriormente distinti in destinazioni UE ed extra UE.

Le performance dei due scali differiscono in base alle diverse caratteristiche infrastrutturali: Ciampino recupera una maggiore quota di voli nazionali (+79,5% di passeggeri) e intercontinentali (+538,3),che si erano sostanzialmente azzerati; Fiumicino mantiene una maggior proporzionalità nel recupero tra nazionali, europei e intercontinentali, dato che durante la pandemia la maggior disponibilità di spazi ne aveva favorito l’uso.

4.22Tassi di variazione della movimentazione e passeggeri (fonte: adr.it)

4.23

CTL P.Iva 02133771002